Statuto

Written By: admin

S  T  A  T  U  T  O

 

Costituzione e Scopi

 

1 –  Il  “Camper Caravan Club Chieti”, sinteticamente indicato con la sigla “4C”, nasce per riunire, nell’ambito del territorio comunale di Chieti, tutti coloro che si interessano di campeggio in tutte le sue forme. I soci si uniformeranno ai principi normativi qui di seguito enunciati.

 

2 –  L’associazione ha i seguenti scopi:

a)     promuovere e diffondere il campeggio quale attività di turismo sportivo e sociale;

b)     incoraggiare, appoggiare e tutelare l’attività degli organismi affiliati;

c)     curare la disciplina e la regolamentazione delle attività di campeggio;

d)     collaborare con Enti ed Istituzioni pubbliche e private per la protezione degli interessi generali del campeggio;

e)     ottenere dallo Stato, dalle Regioni, dalle Municipalità, da Enti e da privati la concessione di terreni idonei per parchi di campeggio;

f)       curare le relazioni con tutte le organizzazioni nazionali ed internazionali di campeggio, assicurando una reciprocità di scambi e favorendo in particolar modo l’afflusso dei campeggiatori stranieri in Italia;

g)     partecipare alle riunioni degli organismi nazionali ed internazionali di turismo e di sport;

h)      curare le relazioni con il Ministero del turismo e dello spettacolo, con gli Assessorati Regionali per il Turismo e con gli Enti Provinciali per il Turismo, per l’attuazione di compiti rivolti ad un maggiore sviluppo del turismo sociale e sportivo.

 

3 –  La durata dell’associazione è illimitata.

 

4 –  L’associazione è apolitica ed apartitica e non ha scopi di lucro.

 

5 –  Il Club “4C” ha patrimonio proprio e gode di piena autonomia, compatibilmente con il presente Statuto.

 

6 –  I beni mobili ed immobili di cui il Club “4C” sia proprietario per acquisti, lasciti, donazioni e tutti gli altri valori, di cui abbia piena disponibilità a qualunque titolo, costituiscono il suo patrimonio.

 

7 –  Chi aspira ad divenire socio deve presentare apposita domanda. Sul suo accoglimento si pronuncia il Consiglio Direttivo del Club “4C”. Contro la decisione che respinge la domanda è ammesso il ricorso dell’interessato al Collegio dei Probiviri del Club “4C”, entro trenta giorni dalla comunicazione del provvedimento. All’accoglimento della domanda il socio è tenuto a versare l’importo stabilito per la quota sociale ed a quella di prima iscrizione.

I soci hanno diritto a tutti i benefici derivanti dalle attività del Club, nonché a partecipare a tutte le manifestazioni indette dallo stesso.

 

8 –  La qualità di socio si perde per dimissioni da dare per iscritto, per morte, per cancellazione o per radiazione. La radiazione è pronunciata dal Consiglio Direttivo del Club allorché il socio abbia mancato all’onore o ai doveri sociali. Contro tale decisione, entro trenta giorni dalla comunicazione scritta, si può ricorrere al Consiglio dei Probiviri del Club.

 

ORGANI

9 –  Gli organi del Camper Caravan Club Chieti sono:

a)     l’Assemblea dei soci;

b)     il Consiglio Direttivo composto di 5 membri;

c)      il Collegio dei Revisori dei conti, in numero di 3 effettivi e 2 supplenti;

d)      i Probiviri in numero di 3 effettivi e 2 supplenti.

 

Assemblea dei Soci

10 –  L’assemblea è costituita da tutti i soci maggiori degli anni diciotto, ciascuno dei quali dispone di un solo voto.

L’assemblea ha tutti i poteri per conseguire gli scopi sociali ed in particolare :

a)     approva il bilancio preventivo e quello consuntivo;

b)     elegge i componenti del Consiglio Direttivo,  i Revisori dei conti ed i Probiviri;

c)      delibera sugli argomenti dei quali, prima della convocazione dell’Assemblea, sia                stata richiesta l’iscrizione all’ordine del giorno dal Consiglio Direttivo o da almeno un decimo dei soci;

d)     delibera sugli altri argomenti espressamente demandati alla sua competenza dalle norme dello Statuto.

 

11 –  L’Assemblea dei soci, da convocarsi almeno una volta all’anno, si riunisce in seduta ordinaria entro il mese di maggio di ogni anno allo scopo di approvare il bilancio preventivo e quello consuntivo per la trattazione degli argomenti  indicati nell’articolo precedente. Si riunisce in seduta straordinaria ogni volta che il Consiglio Direttivo lo ritenga opportuno o ne sia fatta richiesta scritta da almeno un decimo dei soci.

 

12 –  L’Assemblea dei soci è convocata dal Presidente del “Camper Caravan Club Chieti” mediante avviso esposto nell’albo sociale e pubblicato nell’eventuale organo ufficiale di stampa, nonché mediante invito spedito per posta ordinaria ad ogni socio, almeno dieci giorni prima di quello fissato per la riunione. L’avviso e l’invito indicano gli argomenti posti all’ordine del giorno, l’ora ed il luogo della riunione e, per il caso in cui non possa deliberarsi per mancanza di numero legale, l’ora ed il luogo della seduta in seconda convocazione, la quale dovrà effettuarsi non meno di un’ora dopo di quella fissata per la prima.

Un socio può delegare un altro socio a rappresentarlo: per delega non è ammesso di rappresentare più di due soci.

 

13 –  L’Assemblea dei soci è regolarmente costituita, in prima convocazione, con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi componenti e, in seconda convocazione, qualunque sia il numero dei componenti presenti.

 

14 –  L’Assemblea dei soci è presieduta da un socio designato dalla stessa. Il Presidente dell’Assemblea designa un socio ad esercitare le funzioni di Segretario, salvo l’intervento del notaio.

 

Consiglio Direttivo

15 –  Il Consiglio Direttivo del Club “4C” è composto da 5 membri. L’Assemblea procede, a scrutinio segreto, all’elezione dei membri che durano in carica due anni e possono essere rieletti; onde salvaguardare il diritto della minoranza, ogni elettore non potrà votare per un numero di candidati superiore ai due terzi degli eleggibili ( tre ).

Entro un mese dalla sua elezione, il Consiglio Direttivo deve essere convocato da parte del Consigliere più anziano di età.

 

16 –  Il Consiglio Direttivo elegge fra i propri membri, a scrutinio segreto, un Presidente, un Vice Presidente ed un Tesoriere. Le funzioni di Segretario sono esercitate dal Segretario del Camper Caravan Club Chieti.

Ai fini di una sana alternanza, non si può essere rieletti, a ricoprire la stessa carica, per più di due mandati consecutivamente.

 

17 –  Il Consiglio Direttivo è l’organo di esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea dei soci e può deliberare su tutte le materie non specificatamente riservate alla competenza dell’assemblea medesima.

In particolare il Consiglio Direttivo:

a)     predispone il Regolamento interno riguardante lo svolgimento dei servizi del Camper Caravan Club Chieti;

b)     nomina le Commissioni istituite con deliberazione dell’assemblea dei soci;

c)      delibera circa l’indirizzo, lo svolgimento e la estensione dell’attività del Camper Caravan Club Chieti nei limiti del presente Statuto e delle deliberazioni dell’Assemblea dei soci;

d)     delibera le norme relative alla assunzione, allo stato giuridico ed al trattamento economico e di quiescenza  dell’eventuale personale dipendente del “ Club ”;

e)     delibera su provvedimenti di assunzione e licenziamento del personale stesso;

f)        formula le proposte da sottoporre alla trattazione dell’Assemblea dei soci;

g)     predispone i bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre per l’approvazione all’Assemblea dei soci.

 

18 –  Per la validità dell’adunanza del Consiglio Direttivo occorre la presenza di almeno due terzi dei suoi componenti ( tre ). Il Consiglio Direttivo decide a maggioranza assoluta dei voti, in caso di parità prevale il voto di chi presiede.

 

Il Presidente

19 –  Il Presidente è il legale rappresentante del Club “4C”. Egli può compiere tutti gli atti non riservati esclusivamente alla competenza dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo e s’intende investito di tutte le facoltà per il raggiungimento dei fini statutari. In assenza del Presidente i suoi poteri sono esercitati dal Vice Presidente. Il Presidente, per esigenze di servizio, può conferire deleghe per speciali materie o funzioni ad un componente del Consiglio Direttivo.

 

Il Segretario

20 –  Il Segretario del Club “4C”, sentito il Consiglio Direttivo, viene nominato e revocato dal Presidente del Club, anche fra i soci dello stesso; se non è membro del consiglio Direttivo non ha diritto al voto.

 

Amministrazione

21 –  Le rendite patrimoniali, le quote annuali, i contributi dei soci, nonché i proventi comunque derivanti al Club dall’esercizio delle sue attività, costituiscono le entrate disponibili per provvedere al conseguimento dei fini del club “4C” in base ai predisposti bilanci preventivi. I fondi occorrenti per l’ordinaria gestione sono depositati presso uno o più istituti di credito scelti dal Consiglio Direttivo. Tali conti sono intestati a nome del Club. I documenti necessari per i prelevamenti devono essere firmati dal Presidente e dal Tesoriere. Possono essere adottati anche altri strumenti finanziari più recenti ed ugualmente sicuri tipo tessera bancomat.

 

22 –  L’esercizio finanziario del Club comincia con il primo gennaio e termina il trentuno dicembre. Per la gestione sociale è compilato un apposito bilancio annuale di previsione. Ogni spesa deve essere contenuta nei limiti degli stanziamenti fatti nel bilancio preventivo. Per le spese impreviste è stanziato un apposito fondo di riserva a disposizione del Consiglio Direttivo.

 

23 –  Il bilancio consuntivo dell’esercizio chiuso al trentuno dicembre di ciascun anno, unitamente alla relazione del Consiglio Direttivo ed a quella dei Revisori dei conti, deve essere depositato presso la segreteria del Club a disposizione dei soci, non meno di dieci giorni prima di quello fissato perla riunione dell’Assemblea nella quale questa è chiamata a deliberare sul bilancio stesso.

 

Il Collegio dei Revisori

24 –  Il controllo dell’amministrazione del Club è affidato ad un Collegio composto di tre Revisori effettivi e due supplenti eletti a scrutinio segreto dall’Assemblea dei soci; essi durano in carica come il Consiglio Direttivo e possono essere rieletti.

Il Collegio dei Revisori, convocato entro un mese dall’elezione dal suo membro più anziano d’età, elegge fra i propri membri, a scrutinio segreto, un Presidente, un Vice Presidente ed un Segretario.

Ai fini di una sana alternanza, non si può essere rieletti, a ricoprire la stessa carica, per più di due mandati consecutivamente.

 

Il Collegio dei Probiviri

25 –  Il Collegio dei Probiviri è composto di tre membri effettivi e due supplenti eletti a scrutinio segreto dall’Assemblea dei soci; essi durano in carica come il Consiglio Direttivo e possono essere rieletti.

Il Collegio dei Probiviri, convocato entro un mese dall’elezione dal suo membro più anziano d’età, elegge fra i propri membri, a scrutinio segreto, un Presidente, un Vice Presidente ed un Segretario.

Ai fini di una sana alternanza, non si può essere rieletti, a ricoprire la stessa carica, per più di due mandati consecutivamente.

Il Collegio dei Probiviri dirime e decide le controversie fra soci e quelle tra il Consiglio Direttivo ed i soci. Le sue decisioni sono inoppugnabili.

 

Scioglimento e liquidazione

26 –  L’Assemblea dei soci con deliberazione approvata da almeno i 4 / 5 dei presenti potrà deliberare lo scioglimento del Club provvedendo alla nomina del liquidatore e indicando la destinazione da darsi al patrimonio. I Revisori in carica al momento della messa in liquidazione esercitano le proprie funzioni fino al termine delle operazioni relative.

 

Modifiche dello Statuto

27 –  Le presenti norme non potranno essere modificate che su proposta del Consiglio Direttivo del Club o di almeno un terzo dei soci con anzianità di iscrizione non inferiore ad un anno. La proposta di modifica deve essere presentata al presidente con almeno un mese di anticipo sulla data della riunione dell’Assemblea dei soci. Le deliberazioni di modifica allo Statuto sono adottate dall’Assemblea dei soci con votazione favorevole della maggioranza assoluta dei presenti.

 

Disposizioni finali

28 –  Per tutto quanto non contemplato dal presente Statuto e riflettente le modalità di funzionamento dei singoli organi sociali, si provvederà con appositi regolamenti interni. Tali regolamenti sono predisposti dal Consiglio Direttivo e sottoposti all’approvazione dell’Assemblea dei soci.

 

Disposizione comune

29 –  Per quanto non previsto dal presente Statuto, valgono le norme del Codice Civile – Libro I – Titolo II Capo II.